Geox delocalizza nella zona franca di Vranje in serbia

31 gennaio 2016 Geox apre anche nella zona Franca di Vranje in Serbia

Il colosso della Calzatura trevigiano Geox ha deciso di delocalizzare e allargare la propria produzione anche nel comune di Vranje in Serbia

La news è che presto in Serbia nella zona Franca di VranjeGeox-scarpe-delocalizzare-in-serbia-a-Vranje-in-zona-franca si apriranno nuovi stabilimenti di produzione.

Gia il 4 settembre del 2014 il sindaco di Vranje, Zoran Antic e un rappresentante della famosa azienda italiana Geox avevano sottoscritto la consegna delle opere realizzate per la costruzione dell’insediamento produttivo.

L’opera di livellamento del terreno per permise l’inizio e la costruzione degli stabilimenti nella Free Zone/zona franca, aveva interessato una area di 50.000m² su di una superficie complessiva di ben 60.571m².

Ricordiamo che all’epoca la città di Vranje e il gruppo Geox, con quell’atto hanno concluso uno dei passi più importanti per questa delocalizzazione.

zona franca firma GEOX e sindaco di Vranje per la delocalizzazione produttivaGrazie a quella firma si è potuto procedere e andare avanti nell’accordo quadro del progetto di delocalizzazione e insediamento stipulati con la Repubblica di Serbia.

L’accordo prevede diritti e doveri in materia di investimenti, inclusa la costruzione di un impianto di produzione a Vranje da parte della Geox.

La città di Vranje e Geox nell’agosto del 2012 avevano concluso il contratto di alienazione del terreno edificabile di proprietà pubblica senza indennizzo.

Il piano previsto nell’accordo sottoscritto con il Governo e il comune di Vranje è quello di assumere 1.250 lavoratori. 

Per questa delocalizzazione produttiva sul territorio della Repubblica di Serbia e le assunzioni che ne conseguono sono previsti notevoli benefici fiscali per la Geox. 

L’inaugurazione del nuovo stabilimento della Geox, è stato già concordato per il 31 gennaio, mentre il marchio DitreItalia  ha già concordato che dovrebbe assumere nella zona oltre 400 dipendenti.

L’area che questi due colossi produttivi del made in Italy occuperanno in passato era destinata all’addestramento militare.

La zona franca di Vranje dispone di un terreno che si estende su 114 ettari e che le due società di Treviso, hanno occupato per 33 ettari in accordo con il ministero della difesa serbo.

 

Cogli subito l’occasione per pagare meno tasse grazie agli accordi Italia – Serbia contro la Doppia imposizione fiscale e guadagnare alle porte d’europa.

Porta la tua azienda in un paese favorevole agli investimenti e alla produzione locale.

 

Fill out my online form.
Online contact and registration forms from Wufoo.


By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close