2016 Italia sommersa dalle Tasse nella UE siamo i Primi per pressione Fiscale

L’Italia può vantare un grande primato siamo il primo paese per tassazione. Le tasse hanno raggiunto livelli incredibili! Che dovresti fare per salvarti?

Vieni in Serbia e investi in uno stato con tassazione al 15% sugli utili.

In Italia invece un’impresa italiana paga ogni anno il 64,8% dei profitti in tasse e contributi, perde 269 ore per gli adempimenti fiscali e spende 7.559 euro, per essere “in regola”.

Qual’è il risultato? l’Italia è prima per l’imposizione fiscale e ultima nell’indice della libertà fiscale misurato dal Centro Studi Impresalavoro.

tasse in Italia investi in serbia e sposta la tua societa

La graduatoria stilata dal centro studi riguarda 29 paesi europei, classificati in base a sei indicatori:

  • procedure ed ore per pagare le tasse (Italia sestultima),
  • total tax rate su imprese (ultima) e famiglie (sestultima),
  • costo per pagare le tasse (ultima),
  • pressione fiscale sul PIL (la settima peggiore),
  • variazione della pressione fiscale dal 2000 al 2014 (quartultima).

Lo vederebbe anche un cieco, i due indicatori peggiori per l’Italia sono il total tax rate sulle imprese, che misura la quota di profitti che una media azienda paga ogni anno allo stato sotto forma di tasse e contributi sociali, il costo per pagare le tasse, e poi per non farsi mancare nulla una sorta di tassa sulle tasse rappresentata dai costi delle procedure, e per finire il tempo necessario e relativo costo del personale, sostenuto sempre da una media azienda, per essere in regola con il Fisco.

Il paese con il sistema fiscale più friendly per le imprese è la Svizzera, seguita da Irlanda, Estonia e Romania.

La top ten prosegue con Lettonia, Bulgaria, Lussemburgo, Lituania, Regno Unito, Croazia.

Primeggia in questa classifica al negativo l’Italia che batte tutti gli altri stati seguita sulla distanza da:

  • Belgio,
  • Francia,
  • Austria,
  • Grecia,
  • Danimarca.

L’indicatore più importante ( a cui vengono attributi più punti per determinare il grado di libertà fiscale dei paesi) è il costo della pressione fiscale sul PIL che misura il peso del fisco sulla ricchezza prodotta. Segue il tax rate sulle imprese, mentre tutti gli altri indicatori sono considerati paritari.

In termini relativi, è ritenuto particolarmente rilevante l’indicatore sui cambiamenti riguardanti dal 2000 al 2014.

l’Ialia ha visto aumentare la pressione fiscale del 3,6% la Svezia (al primo posto), le ha tagliare del 5,9%.

A questo punto se vuoi continuare a guadagnare stare sul mercato e continuare a guadagnare e fare profitti ti conviene come si dice “fare la valigia” e andare in un altro paese come la Serbia in cui trovi una legislazione favorevole per insediare qualsiasi attività produttiva.

Basta pensare che in Serbia la tassazione è del 15% annuo sugli utili di impresa.

Quindi se guadagni 100.000€ , tolti i costi fissi e variabili etc… pagherai il 15% sugli utili della tua impresa. Molti Italiani che hanno visto bene prima di te hanno “fatto la valigia”.

Che aspetti inizia subito questo percorso entra subito in contatto con i nostri consulenti .

 

Fill out my online form.
Online contact and registration forms from Wufoo.


Leave a Reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close