Johnson Electric apre in Serbia (con sovvenzione di 6.7 milioni di euro)

Johnson electric NIs Serbia nuovo stabilimentoMai sentito parlare della Johnson Electric di Nis in Serbia? Qualche tempo fa Il Consiglio comunale di Nis in una sua riunione aveva approvato uno studio di fattibilità che trattava di vendere 2,8 ettari di terreno edificabile di proprietà dello Stato con la destinazione d’uso per la costruzione di un nuovo stabilimento a favore della “Johnson Electric”.

Oggi lo stabilimento non solo è stato costruito ma la Johnson Electric ha avuto sovvenzioni per 6.7 milioni di euro dalla Repubblica di Serbia.

all’epoca si scriveva:

Il documento di questo accordo sarà esposto al pubblico per otto giorni, e dopo si potrà iniziare la procedura con l’ulteriore trasferimento di terreni dello stato per costruire una fabbrica che in futuro produrrà motori elettrici.

NIS city serbia Johnson Electric

Il Memorandum sulla collaborazione è stato firmato alla presenza del Primo Ministro Aleksandar Vucic, Ministro dell’Economia Zeljko Sertic e il sindaco Zoran Perisic e il direttore di “Johnson Electric” Markus Schmitz, vice presidente per l’Europa Austin Vang e agente Loran Kardon, nel luglio dell’altro anno.

Si prevede un investimento di 50 milioni di euro, che impiegherà ben 2.400 lavoratori.

– La prima fase del suo investimento nella zona industriale “Sever” è per finire la costruzione della centrale su un terreno di 3,2 ettari, che il municipio di Nis a ceduto.

In questa operazione sono stati impiegati più di 500 lavoratori e dovranno impiegare anche più personale entro la fine del mese di settembre – spiega Michael Zdravkovic, consigliere comunale responsabile dell’economia del comune di Nis.

– Con il nuovo stabilimento, che inizierà presto ad essere costruito, lo stabilimento vedrà l’impiego di oltre 3.400 lavoratori nei prossimi cinque anni.

Johnson Electric Nis Serbia Vucic

Il primo ministro stringe la mano di una delle impiegate della Johnson Electric 2016

Ora”Johnson” dovrà ottenere il terreno edificabile di proprietà dello stato , che prevede una procedura che vedrà la firma della presidenza delle Repubblica di Serbia e che prevede poi che la città di Nis accetti il progetto.

Solo dopo aver firmato un contratto con il governo della Repubblica di  Serbia, la società “Johnson” potrà avere la proprietà dei 2,8 ettari terreno edificabile.

L’azienda “Johnson Electric” è impegnata nella produzione di motori, bobine, interruttori, circuiti flessibili e microelettronica. La società ha già firmato un primo accordo con il governo serbo nel 2013.

SOVVENZIONI

I RAPPRESENTANTI  della Johnson dicono di aver investito fino ad oggi 10 milioni di euro, mentre il governo serbo per le sovvenzioni ha finanziato per l’occupazione dei lavoratori ben 6.7 milioni di euro.

Come avrete capito ci sono moltissime possibilità per quelle società interessate ad intervenire sul suolo serbo sia per acquisire terreni edificabili che per avere sovvenzioni pubbliche.

Che aspetti ad approfittarne anche tu?

 

Online contact and registration forms from Wufoo.


Leave a Reply

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close