Archive for Ottobre, 2016


Esenzione fiscale in Serbia- Raddoppiate le Zone Franche da 7 a 14 in soli 3 anni

Esenzione fiscale – La Serbia preme l’accelleratore della macchina e la crescita economica schizza in avanti. Ma perchè una zona franca è così importante per l’economia e per gli investimenti? Semplice perchè in queste zone vige l’esenzione fiscale IVA e Dazi doganali. In questi anni la Serbia grazie alle politiche in materia fiscale lanciate dai vari governi del paese sta vivendo una crescita economica impetuosa e rapidissima. Sono moltissime le aziende (italiane) che arrivano dall’estero per insediarsi dentro e fuori le Zone Franche e avvantaggiarsi in un momento di crisi globale della Politica Fiscale della Repubblica di Serbia. Le zone franche d’altronde ti danno la possiblità di godere di grandisismi vantaggi fiscali sia per le merci in entrata che sono esneti dai dazi oganali, quindi le aziende possono rifornirsi di materie prime senza dover sdoganare e pagare dazio e Iva , trasformare le merci e poi far ripartire il prodotto finito verso altri paesi.

Read More...

BANCHE EU BAIL-IN PROSEGUONO I FURTI AI RISPARMIATORI

BAIL-IN – Wall Strett ci guadagna e la Germania vuole che l’Italia ceda la sua sovranità Nonostante il ministro Padoan qualche settimana fa abbia rassicurato mercati e risparmiatori, il timore del BAIL-IN ai danni dei risparmiatori e dei correntisti resta. Comunque non è la prima volta che un governo mette le mani nelle tasche degli italiani, senza avvisarli. Ventiquattro anni fa l’esecutivo presieduto da Giuliano Amato eseguì uno scippo magistrale per l’epoca, fece il primo “Prelievo Forzoso” ai danni dei correntisti Italiani con la consueta collaborazione delle banche, togliendo il 6 per mille da tutti i conti di deposito detenuti negli istituti bancari. Chiariamo, il Bail in, ovvero il meccanismo attuale studiato dall’Unione europea per far pagare ai correntisti i disastri di politici e dei banchieri nostrani e d’oltralpe, non è un prelievo forzoso sui conti, ma alla fine il risultato è sempre lo stesso: un furto in piena regola ai danni dei correntisti e azionisti delle banche. Evita di correre rischi e fare la fine dei correntisti di MPS e Popolare di Vicenza e Banca Etruria, spostati subito in uno stato come la Serbia dove il rischio BAIL IN è inesistente.

Read More...

60 ° FIERA INTERNAZIONALE DELLA TECNICA – BELGRADO

In questo momento, si stanno svolgendo due Fiere molto importanti per le aziende Italiane nella Repubblica di Serbia, in due segmenti diversi. Una è la Fiera dell’agricoltura di Novi Sad , l’altra è La Fiera della Tecnica di Belgrado. In tutti e due questi segmenti di mercato è fondamentale aumentare le relazioni e gli affari per le aziende italiane in Serbia per sostenere la crescita e il progresso del Made in ITALY NEL MONDO. LA FIERA INTERNAZIONALE DELLA TECNICA E delle realizzazioni tecniche, che si tiene dal  16-20 maggio il 2016 presso la Fiera di Belgrado, è una di queste occasioni. Tra le altre cose lo studio di consulenza Italia Serbia ha i suoi uffici proprio nella Fiera di Belgrado. La Fiera Internazionale della Tecnologia e dei risultati tecnici è il più importante evento economico e tecnologico in Serbia e Sud-Est Europa. Questo Evento ha una grande influenza sul futuro sviluppo del settore nel paese e nella regione dei Balcani.

Read More...

Il Lato Oscuro del Fisco Italiano – La Tassazione inconsapevole

In Italia Paghi tasse e ne paghi tante, tantissime ma non te ne accorgi nemmeno. Il lato oscuro delle tasse è come la tua ombra di notte: non la vedi se sei al buio. E con il fisco in Italia succede la stessa cosa. Siamo nel buio assoluto. La maggioranza dei prelievi è invisibile, nascosta, occulta. Il contribuente Italiano non si accorge nemmeno di versare denaro nelle casse dell’erario. In Serbia invece Il fisco è trasparente, contrariamente a quello che accade in Italia dove le tasse hanno raggiunto il 67% annuo , in Serbia la tassazione è del 15% sugli utili e puoi scaricare quasi tutto. Oggi in piena ricostruzione il paese sta vivendo una vivace crescita sia sul piano degli investimenti esteri che sviluppo economico a ritmi molto sostenuti. Ma torniamo in Italia dove troviamo il fenomeno delle tasse invisibilmente occulte?

Read More...

Unicredit Focus sulla Serbia a Piacenza

Investire in Serbia è sempre più conveniente. Anche Unicredit l’ha compreso infatti il gruppo bancario questo 11 maggio organizza a Piacenza il focus sulle imprese della Bulgaria, Serbia e Romania. UniCredit, insieme alla Camera di Commercio e l’Unione Commercianti di Piacenza, organizza l’International Forum Balcani Focus per le imprese su Bulgaria Serbia e Romania. Questo Mercoledì 11 Maggio 2016, ore 9 e 30, presso la sala riunioni dell’Unione Commercianti Piacenza Strada Bobbiese si terrà questa iniziativa organizzata dal Gruppo bancario, con il Patrocinio della Camera di Commercio e dell’Unione Commercianti di Piacenza. Gli esperti in internazionalizzazione incontrano i rappresentanti di numerose aziende locali nell’ambito di un appuntamento volto a fornire agli imprenditori strumenti e conoscenze necessari per aprire la propria attività imprenditoriale a nuovi mercati nell’Est europa. Un’opportunità in più per il rilancio del sistema produttivo locale che da ben sperare per la ripresa delle aziende italiane che possono contare in special modo in Serbia di una legislazione favorevole e una tassazione pari al 15% sugli utili di impresa. Che aspetti informati subito su come iniziare a guadagnare in Serbia.

Read More...

2016 Italia sommersa dalle Tasse nella UE siamo i Primi per pressione Fiscale

L’Italia può vantare un grande primato siamo il primo paese per tassazione. Le tasse hanno raggiunto livelli incredibili! Che dovresti fare per salvarti? Vieni in Serbia e investi in uno stato con tassazione al 15% sugli utili. In Italia invece un’impresa italiana paga ogni anno il 64,8% dei profitti in tasse e contributi, perde 269 ore per gli adempimenti fiscali e spende 7.559 euro, per essere “in regola”. Qual’è il risultato? l’Italia è prima per l’imposizione fiscale e ultima nell’indice della libertà fiscale misurato dal Centro Studi Impresalavoro. La graduatoria stilata dal centro studi riguarda 29 paesi europei, classificati in base a sei indicatori: procedure ed ore per pagare le tasse (Italia sestultima), total tax rate su imprese (ultima) e famiglie (sestultima), costo per pagare le tasse (ultima), pressione fiscale sul PIL (la settima peggiore), variazione della pressione fiscale dal 2000 al 2014 (quartultima). Lo vederebbe anche un cieco, i due indicatori peggiori per l’Italia sono il total tax rate sulle imprese, che misura la quota di profitti che una media azienda paga ogni anno allo stato sotto forma di tasse e contributi sociali, il costo per pagare le tasse, e poi per non farsi mancare nulla una sorta di tassa sulle tasse rappresentata dai costi delle procedure, e per finire il tempo necessario e relativo costo del personale, sostenuto sempre da una media azienda, per essere in regola con il Fisco.

Read More...

Panama Papers coinvolti ben 35 Paperoni SERBI – Toza Markovic e Agragold nel mirino del fisco

I panama Papers coinvolgono anche diversi paperoni Serbi che si sono mossi fuori dei confini Nazionali. Pechè investire in paradisi fiscali Black List quando puoi investire in sicurezza e guadagnare in paesi white list come la Serbia? In Serbia, operano attualmente ben 37 aziende i cui proprietari sono rimasti coinvolti nei Panama Papers. Panama è considerata una zona off-shore, e in questo momento è al centro del più grande scandalo mondiale “Panama Papers” Ma chi è Ramon Fonseka?  Panama può essere paragonata a un Paradiso Fiscale dove si pagano zero tasse e il signor Ramon Fonseka è stato conosciuto dal grande pubblico quando sono trapelate le informazioni dei dossier della sua compagnia che gestiva le informazioni di oltre 3.000.000 di documenti che coinvolgono quasi tutti gli stati del mondo. Il materiale compromettente è stato raccolto dallo studio legale in oltre 40 anni di lavoro. In Serbia ben 28 titolari d’azienda hanno completamente nascosto la propria identità attraverso l’uso di prestanomi e fiduciari messi a disposizione della società di Panama. Altre aziende, oltre agli imprenditori sono presenti in zona Off-Shore e anche nell’isola di Cipro che ancora oggi è considerata poco sicura per gli investimenti. Diversi Imprenditori Serbi sono rimasti coinvolti. Alcuni di essi sono noti al pubblico e in chiaro conflitto con la legge.

Read More...

kostic investe in impianti eolici e vende l’energia allo stato serbo

Miodrag Kostic è l’imprenditore più lungimirante in Serbia. Kostic ha investito molto in uno dei settori più avanzati del paese, il settore è quello dei parchi eolici che vede presenti anche gli italiani in alleanza con i Serbi per lo sviluppo. A quanto pare Kostic sarà il primo a trarre profitto vendendo energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili alo stato Serbo. La società di Kostic “MK Fintel Vind” ieri ha dichiarato che tre chiatte sono arrivate in Serbia e hanno scaricato tre turbine eoliche di altezza di 178 metri, che verranno installate nel parco eolico. “MK Fintel Vind” nel parco eolico ha investito 15 milioni di euro. Le stime sono che sarà completato entro la fine dell’anno, quando saranno in grado di produrre energia elettrica per le esigenze di 8.000 famiglie. Miodrag Kostic ha investito fino ad ora 15 milioni nel parco eolico.

Read More...

Delocalizzare in Serbia? A Kragujevac è un vero affare!!!

Perchè Delocalizzare in Serbia? Perchè ti danno la terra gratis, esenzioni fiscali e contributi per ogni dipendente che assumi. Perchè dovresti internazionalizzare la produzione e aprire una azienda in Serbia? Indipendentemente da quello che dicono i propugnatori delle notizie Positive… o di quelli che dicono che “va tutto male”, la realtà è che la crisi si fa sempre più forte e le tasse non accennano a diminuire, questo è uno dei 100 motivi motivi per internazionalizzare subito e ricominciare a fare profitti. Molte aziende Italiane hanno chiuso in passato e chiuderanno in futuro perchè è a loro sconosciuta la possibilità di internazionalizzare la produzione e guadagnare aumentando il differenziale tra costi di produzione e vendita dei loro prodotti sul mercato interno e sul mercato internazionale. Contrariamente a quanto si può immaginare (e molte aziende lo hanno compreso), internazionalizzare la produzione oltre essere un ottima strategia aziendale, per diverse aziende Italiane si sta dimostrando un ottima soluzione per rimanere in vita con le loro sedi in Italia. Molte aziende Italiane sono state “lungimiranti e astute” ed hanno seguito la strada dell’Internazionalizzazione  e hanno approfittato degli incentivi che da più parti arrivano a chi imprende all’estero, lo stesso governo serbo offre a chi investe sul suo territorio diversi incentivi fiscali e in conto capitale.

Read More...

General Contractor per Italiani

General Contractor Italiano Il General Contractor  con cui collaboriamo è in grado di gestire, anche su scala internazionale, allestimenti chiavi in mano, garantendo il controllo di tutte le fasi e attività del tuo progetto, coordinando le diverse imprese e assumendosi la responsabilità dell’opera. Lo studio di consulenza Insieme Italia Serbia si pone come interlocutore unico per le tue realizzazioni, affiancandoti dalla prima fase di studio fino all’apertura della tua struttura. Finalmente potrai andare all’estero e parlare con un unico interlocutore in Italiano. Abbiamo numerose collaborazioni e il nostro primo interesse e darti soddisfazione e il raggiungimento dei tuoi obiettivi: Lo studio di fattibilità, condotto in fase preliminare dai nostri professionisti, permette di valutare le reali possibilità di successo del progetto per un risultato finale in linea con le tue aspettative.

Read More...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni su cosa sono i cookie e la privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi la Cookie policy

Per conoscere meglio la privacy policy del sito web e l'uso dei tuoi dati nel caso in cui compili form del sito ti consigliamo di visitare la pagina della Privacy policy

Chiudi