Posts Tagged serbia


Qual’e’ il costo del lavoro in Serbia?

Tra i vari paesi balcanici vi sono grosse differenze per quanto riguarda il costo del lavoro. La Slovenia ha manodopera che costa 700 euro lordi (contro un minimo di 2.500 dell’operaio italiano che prende 1.100 euro netti il mese). La Croazia più o meno ha lo stesso costo, la Bosnia sta a 400 euro il mese come la Serbia ma la specializzazione delle maestranze nella Repubblica di Serbia  è la più alta dei Balcani parimenti al salario percepito. Quindi la qualità rapportata al costo del lavoro in Serbia è la migliore in assoluto, per questo aziende come Benetton, Fiat , Swarovsky e moltissime altre hanno deciso di apire in Serbia. Con queste cifre, a parità di fatturato a fine anno, un’impresa con 20 dipendenti che opera in Serbia  ha un miglioramento del MARGINE OPERATIVO di almeno 400.000 euro rispetto l’Italia. Inoltre il paese ha una normativa per gli investimenti stranieri che da grossi vantaggi legati alla posizione geografica strategica, alla possibilità di esportare senza dazi doganali in diversi paesi: Sud-Est europeo, Turchia, USA, Kazakistan Federazione Russa Essere presenti con la tua azienda in Serbia ti dà un vantaggio strategico e ti permette di coprire un mercato che supera gli 800 milioni di abitanti, di godere di un aliquota delle’imposte sull’utile pari 15% e inoltre puoi avere disponibilità di manodopera qualificata e un basso costo del lavoro.

Read More...

Nuova Centrale Biogas – La danese Bigadan nè costruirà una a Plandištu

Serbia e Biogas nuova centrale in costruzione. La danese “Bigadan”, che costruisce centrali a biogas in tutto il mondo, è interessata a costruire una struttura a Plandištu, dove potrebbe essere utilizzato come fonte di energia i rifiuti generati dall’industria della carne “Heidelbergensis”. In quell’occasione, i rappresentanti delle due aziende hanno incontrato a Plandištu,il Segretario della provincia delle amministrazioni locali e i funzionari comunali Ognjen B,  la realizzazione del progetto di particolare importanza per la realtà locale. Vladimir Nedeljković, rappresentante di “Bigadana”,  ha dichiarato che  per loro heidelbergensis è molto interessante, perché i rifiuti provenienti dall’industria delle carni provenienti da allevamenti può essere considerata come la migliore fonte di ‘energia per gli impianti di biogas. Il rapresentante Inoltre, ha espresso il sincero desiderio di raggiungere rapidamente gli obbiettivi di cooperazione,  l’azienda ha già costruito 45 centrali a biogas in 15 paesi in tutto il mondo.  

Read More...

FMI – Serbia in ripresa economica in forte accellerazione

Serbia: FMI Fondo monetario internazionale, ripresa economica del paese in fase di accelerazione La prospettiva macroeconomica è positiva ma vi sono sempre dei rischi, sia dal punto di vista interno che guardando al contesto estero… La Serbia registra comunque dei risultati positivi e un’accelerazione nella ripresa dell’economia nazionale. E’ questa la valutazione di James Roaf, capo della missione del Fondo monetario internazionale (Fmi) che ha compiuto le ultime revisioni dei conti pubblici di Belgrado. Secondo quanto riporta la stampa locale, Roaf ha osservato che i segnali sono in linea con l’attuazione del programma concordato fra Serbia e Fmi nel febbraio dello scorso anno. Il capomissione ha spiegato che il programma del governo prevede un ulteriore taglio al numero degli impiegati nel settore pubblico. Le ultime tendenze sul fronte dell’occupazione, inoltre, sono incoraggianti e vi è un aumento della fiducia da parte degli investitori e dei mercati.

Read More...

BERS e Governo Serbo firmano un accordo di cooperazione

Questo 30 settembre 2015, il governo serbo e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) hanno siglato un memorandum d’intesa (MoU) volto a migliorare il clima degli investimenti nel paese balcanico. L’accordo prevede di favorire lo sviluppo del settore privato, e promuovere la good governance in Serbia. Il primo Ministro Aleksandar Vucic, ha firmato il protocollo d’intesa per conto del governo serbo, ha dichiarato che: la Serbia si augura che il sostegno della BERS possa contribuire al completamento del processo di privatizzazione, al miglioramento del sistema degli appalti pubblici, alla ristrutturazione delle imprese pubbliche, ed alla costruzione di infrastrutture. Per conto della Banca il documento e’ stato firmato da parte del presidente Sir Suma Chakrabarti.

Read More...

UniCredit : nuove nomine ai vertici in Serbia , Croazia e Austria

A seguito della nomina di Robert Zadrazil come nuovo amministratore delegato della controllata austriaca, Bank Austria, dal primo marzo, UniCredit annuncia alcune ulteriori nomine in Austria, cosi’ come in Croazia e in Serbia. A questo proposito, sono state decise le seguenti nomine, che sono soggette a ricevere tutte le necessarie approvazioni regolamentari. In Serbia, Mauro Maschio, attualmente DG e vice presidente vicario del Cdg di Ukrsotsbank (UniCredit Bank Ucraina), diventera’ ceo di Unicredit Bank in Serbia. In questo caso la nomina avrà luogo subito dopo il completamento della transazione di Ukrsotsbank con Alfa Gruppo, annunciata lo scorso 11 gennaio, specifica il comunicato.

Read More...

La Cina investe sull’alta Velocità tra Belgrado e Budapest – Ferrovia d’oro

Parte il progetto Ferrovia ad alta velocità Belgrado Budapest? Si è tenuto venerdì 9 l’atteso incontro tra Cina, Ungheria e Serbia sul tema Ferrovia Alta Velocità tra Belgrado e Budapest. L’ incontro ha come oggetto modernizzare e ricostruire la ferrovia da Belgrado a Budapest. L’incontro, ha visto la partecipazione di Cina , Serbia e Ungheria nelle persone dei rispettivi paesi interessati allo sviluppo del progetto. L‘incontro è stato presieduto dal ministro serbo per le costruzioni, trasporti e infrastrutture Zorana Mihajlovic, insieme alle delegazioni cinesi e ungherese, diretta da Wang Xiaotao,e il  vicedirettore dello sviluppo nazionale e Commissione per la riforma e ministro degli esteri Peter Szijjarto. Sono stati creati dei gruppi di lavoro dove i tre paesi hanno lavorato per trovare punti di incontro e accordarsi sulle questioni tecniche e tecnologiche connesse con linee ferroviarie dell’ alta velocità. La linea ferroviaria che collegherà in futuro Budapest con la capitale della Serbia Belgrado sarà progettata per consentire velocità fino a 200 km/h. I disegni e i progetti  relativi alla ferrovia ad alta velocità che collegherà la capitale della Repubblica di Serbia con la capitale ungherese dovrebbero essere completati entro la fine di settembre.

Read More...

Serbia Bilancio investimenti nel 2015 – 675 milioni solo nei primi 6 mesi

Ben 675 milioni di dollari sono arrivati nel paese per investimenti solo nei primi sei mesi 2015 Nella prima metà dell’anno corrente in Serbia sono arrivati 675 milioni di dollari, che è un pò meno di 600 milioni di euro in investimenti stranieri diretti. Ovvero il 4,3% in meno rispetto allo stesso periodo l’anno scorso, e il 2014 si è concluso con un surplus di 1,2 miliardi di euro. Gli economisti Serbi fanno sapere che per raggiungere lo standard che si sono prefissati ogni anno dovrebbe entrare nel paese tra gli 1,5 e i 2 miliardi di euro.

Read More...

Johnson Electric apre in Serbia (con sovvenzione di 6.7 milioni di euro)

Mai sentito parlare della Johnson Electric di Nis in Serbia? Qualche tempo fa Il Consiglio comunale di Nis in una sua riunione aveva approvato uno studio di fattibilità che trattava di vendere 2,8 ettari di terreno edificabile di proprietà dello Stato con la destinazione d’uso per la costruzione di un nuovo stabilimento a favore della “Johnson Electric”. Oggi lo stabilimento non solo è stato costruito ma la Johnson Electric ha avuto sovvenzioni per 6.7 milioni di euro dalla Repubblica di Serbia. all’epoca si scriveva: Il documento di questo accordo sarà esposto al pubblico per otto giorni, e dopo si potrà iniziare la procedura con l’ulteriore trasferimento di terreni dello stato per costruire una fabbrica che in futuro produrrà motori elettrici. Il Memorandum sulla collaborazione è stato firmato alla presenza del Primo Ministro Aleksandar Vucic, Ministro dell’Economia Zeljko Sertic e il sindaco Zoran Perisic e il direttore di “Johnson Electric” Markus Schmitz, vice presidente per l’Europa Austin Vang e agente Loran Kardon, nel luglio dell’altro anno. Si prevede un investimento di 50 milioni di euro, che impiegherà ben 2.400 lavoratori.

Read More...

Doing business la Serbia sale in vetta

2105- la Banca Mondiale ha appena pubblicato la classifica “Doing business” , La Serbia si trova alla posizione numero 59, un salto in alto di ben 32 posizioni in avanti rispetto alla lista dell’anno scorso. La ricerca “Doing Business” è una classifica che include 189 paesi,  che stabilisce la facilità di fare affari e analizza varie situazioni, dalla tassazione, al costo dell’energia e moltissimi altri fattori e se mettiamo in rapporto la Serbia con glia altri Paesi della regione è il paese che ha conseguito il progresso maggiore, mentre sono scese Albania e Montenegro. Nel rapporto previsionale per il 2016 la Bosnia-Erzegovina sale alla posizione 70, ovvero 28 posizioni in più rispetto l’anno scorso. La Croazia è salita di 15 posizioni, l’Ungheria di 10, Romania di 11, Grecia di una, Macedonia di 18. L’Albania è scesa di 29 posizioni e si ritrova alla posizione 97, il Montenegro invece è sceso di 10 posizioni.

Read More...

Apre Geox – finalmente la Serbia del Sud ha un Futuro

La costruzione della Fabbrica Geox ha visto l’investimento di o 15,8 milioni di euro da parte italiana e 11,25 milioni da parte serba. Il governo serbo ha sovvenzionato la costruzione e l’apertura con ben 9.000 euro per ogni nuovo posto di lavoro creato. L’apertura ufficiale dello stabilimento con il taglio cerimoniale il 31 gennaio 2016, ha visto la partecipazione del primo ministro serbo Aleksandar Vucic, il direttore della  “Geox” Mario Moretti Polegato e il sindaco di Vranje Zoran Antic che hanno aperto ufficialmente la fabbrica di calzature “Geox” nella zona franca industriale del comune. Una delegazione composta da ministri, parlamentari e sindaci nel sud della Serbia, ha visitato la fabbrica, che copre quasi 22.000 metri quadrati, e la cui costruzione iniziò nel 2012. Il primo ministro Aleksandar Vucic ha detto in un discorso ai lavoratori,  che è giunto il momento per la Serbia di cambiare l’atteggiamento verso la parte più povera della nazione. – Costruiremo le infrastrutture in questi comuni, e i vostri figli avranno un futuro – ha detto il primo ministro.

Read More...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni su cosa sono i cookie e la privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi la Cookie policy

Per conoscere meglio la privacy policy del sito web e l'uso dei tuoi dati nel caso in cui compili form del sito ti consigliamo di visitare la pagina della Privacy policy

Chiudi